Ludi alla Fortezza 2018, uno straordinario successo

Si è appena conclusa l’edizione 2018 dei Ludi alla Fortezza.

Stanchi ma estremamente felici e soddisfatti del suo svolgimento e degli innumerevoli riscontri positivi (ma anche delle critiche, vitali per poterci migliorare), siamo già al lavoro per la successiva edizione, mettendo a frutto molte idee maturate in questi giorni e tante proposte fatte da voi che ci avete seguito e supportato.

Ringraziare tutti, dagli ospiti agli artisti, dagli artigiani ai sostenitori, è un’impresa davvero difficile, per cui lasceremo che siano le foto a parlare per noi, scattate dal nostro staff e da molti amici che ci hanno onorato della loro presenza: potrete trovare tutte le foto dell’evento sulla nostra pagina Facebook.

Al prossimo anno!

I Ludi alla Fortezza hanno inizio!

Eccoci, siamo arrivati alla settimana dei Ludi alla Fortezza!

Dal 14 al 17 giugno tutti gli eventi a cui non potete mancare!

Il Banchetto Medievale vi attende la sera del 14 giugno a Piazza del Popolo:

Il 15 giugno, invece, vi aspettiamo al Palazzo dei Sette per “Guelfi e Ghibellini: il trionfo della Fazione” a cura del prof. Franco Mezzanotte, docente di Storia Medievale all’Università degli Studi di Perugia e di Storia della Chiesa antica all’Istituto Teologico di Assisi ed il concerto narrato “1328: Ludovico IV alla conquista dell’Orvietano” presentato dal gruppo musicale Rasna.

Nel pomeriggio di sabato 16 giugno potrete invece assistere, sempre al Palazzo dei Sette, a “Dante Alighieri, nascita di un profeta” a cura di Marco Santagata, scrittore, critico letterario e docente universitario.

E infine i Ludi alla Fortezza, alla Fortezza Albornoz il 16 e 17 giugno: ecco il programma e la mappa!

Il Saltarello

Sebbene leggermente in ritardo rispetto al 1264, questa danza è assolutamente degna di menzione.
I primi riferimenti in epoca medievale si hanno intorno al quattordicesimo secolo, praticato principalmente nel centro Italia (e l’Umbria vanta una forte tradizione in merito).

Le sue tonalità sono state rivisitate in ogni epoca e numerose ballate derivano dalle note originali del Saltarello.

Molto divertenti e anche “veloci” le rivisitazioni di gruppi moderni, come quella dei tedeschi Corvus Corax!